Categorie
Blog

Blindare la Supply Chain: scegliere accuratamente i fornitori

Come abbiamo potuto osservare nei precedenti articoli, la sicurezza delle informazioni non è più un optional, ma una necessità imperativa. Con la crescente complessità delle reti aziendali e l’espansione delle supply chain, le vulnerabilità a cui le imprese sono esposte si sono moltiplicate. Questo ha reso il panorama delle minacce più insidioso che mai.

L’ormai noto rischio legato alle terze parti rappresenta un punto critico per la sicurezza delle informazioni. Un singolo fornitore non conforme può esporre l’intera rete a minacce significative. Questo ha reso la gestione delle relazioni esterne un elemento fondamentale della strategia di cybersecurity.

In questo contesto, l’affidarsi a partner tecnologici certificati e radicati nel proprio territorio diventa fondamentale per garantire la sicurezza dei dati e la resilienza operativa.

Questo articolo esplora l’importanza della gestione del rischio delle terze parti (TPRM) e della supply chain, mettendo in luce il perché scegliere fornitori di cybersecurity certificati e locali, con un focus specifico sulla regione Puglia.

Business Partner Collaboration team Building

I rischi della Supply Chain nella Cybersecurity

Le vulnerabilità presenti negli ecosistemi dei fornitori offrono ai cyber criminali un varco per infiltrarsi nelle reti delle aziende partner. Attraverso un fornitore di terze parti, che possiede accessi meno protetti o standard di sicurezza meno rigorosi, gli aggressori possono diffondere malware, ottenere dati sensibili o addirittura prendere il controllo di sistemi critici. Questo tipo di attacco è particolarmente insidioso perché sfrutta la fiducia tra le aziende e i loro fornitori, rendendo il rilevamento e la prevenzione estremamente difficili.

Quando si tratta di sicurezza informatica, i rischi associati ai fornitori o alle terze parti possono variare notevolmente in natura e impatto.

Introduzione ai rischi

Ecco una lista di potenziali rischi informatici che possono emergere dalla supply chain:

  1. Compromissione dei dati: perdita o furto di informazioni sensibili, come dati personali dei clienti o segreti aziendali, a seguito di una violazione presso il fornitore.
  2. Malware e ransomware: diffusione di software malevoli attraverso software o servizi forniti da terzi, che possono criptare dati aziendali critici o danneggiare i sistemi.
  3. Attacchi man-in-the-middle (MitM): intercettazione non autorizzata della comunicazione tra l’azienda e il fornitore, che può portare a furto o alterazione dei dati (vedi truffa IBAN).
  4. Infezioni da software non sicuro: installazione di software vulnerabili sfruttabili dagli hacker per accedere a reti o sistemi aziendali (software non testati, Open Source, ecc…)
  5. Catena di approvvigionamento IT compromessa: introduzione di componenti o prodotti hardware/software dannosi, che possono essere utilizzati per spiare o interrompere le operazioni aziendali.
  6. Abuso di privilegi di accesso: fornitori con accesso, eccessivo o non controllato, ai sistemi aziendali che portano a esposizioni non intenzionali o deliberate di dati.
  7. Violazioni della conformità e delle normative: non conformità ai requisiti legali o agli standard di settore (come GDPR, HIPAA) a causa delle pratiche di gestione inadeguate dei fornitori, con conseguenti sanzioni e danni reputazionali.
  8. Interruzioni operative: dipendenza da servizi di terze parti per operazioni critiche. Se interrotti a causa di un attacco informatico, possono causare gravi interruzioni delle attività.
  9. Attacchi di phishing tramite compromissione dell’email aziendale (BEC): sfruttamento delle email di fornitori compromessi per condurre attacchi di phishing mirati contro l’azienda.
  10. Inadeguata gestione degli aggiornamenti e delle patch: ritardi o negligenze nell’applicazione di patch di sicurezza da parte dei fornitori, che lasciano aperte vulnerabilità note.
  11. Inefficaci o inesistenti protocolli di comunicazione: questa vulnerabilità lascia spazio al social engineering, che insieme ad un’insufficiente security awareness del personale può divenire deleterio.
Continuous security testing

Le vulnerabilità e gli attacchi informatici alla catena di approvvigionamento possono avere conseguenze devastanti per le aziende. I danni vanno ben oltre il mero impatto finanziario immediato.

Impatto sul business

Ecco un’analisi dettagliata delle principali ripercussioni:

  1. Danni Finanziari Diretti: Gli attacchi informatici possono comportare costi elevati per le aziende, inclusi i costi per indagini forensi, ripristino dei sistemi, multe e riscatti. Questi costi possono raggiungere cifre milionarie, soprattutto per le grandi organizzazioni.
  2. Perdita di Dati Sensibili: La compromissione delle informazioni personali dei clienti, dei segreti commerciali o dati finanziari, è una delle conseguenze più gravi. La perdita o il furto di tali dati ha ripercussioni a lungo termine, inclusa la perdita di proprietà intellettuale e la violazione delle leggi.
  3. Danneggiamento della Reputazione: La fiducia è un asset critico per qualsiasi azienda. Un attacco alla supply chain può erodere significativamente la fiducia dei clienti, dei partner e del pubblico.
  4. Interruzione dell’Attività Commerciale: Gli attacchi possono causare interruzioni operative significative, impedendo alle aziende di fornire servizi o produrre beni. Questo può tradursi in perdite di entrate, ritardi nella catena di approvvigionamento e penalità contrattuali.
  5. Costi Legali e di Conformità: Le violazioni della sicurezza possono esporre le aziende a cause legali, reclami per danni e sanzioni regolamentari. I costi legali per la difesa e gli eventuali risarcimenti possono essere sostanziosi, senza considerare le multe per la non conformità agli standard di protezione dei dati.
  6. Perdita di Vantaggio Competitivo: La fuga di informazioni sensibili o proprietarie può compromettere il vantaggio competitivo di un’azienda. Ciò permette ai concorrenti di sfruttare indebitamente le innovazioni o le strategie dell’azienda.
  7. Impatto sul Valore delle Azioni: Per le aziende quotate in borsa, un attacco informatico può portare a una perdita immediata del valore delle azioni, riflettendo la preoccupazione degli investitori per le potenziali ripercussioni finanziarie e reputazionali.
  8. Costi a Lungo Termine: Dopo un attacco, le aziende spesso devono investire significativamente e velocemente in miglioramenti della sicurezza e processi di conformità, il che può comportare costi operativi ingenti e prolungati.

In sintesi, i partner e/o i fornitori vulnerabili rappresentano una minaccia multidimensionale che richiede una risposta globale e proattiva per salvaguardare la resilienza, la reputazione e la sostenibilità finanziaria delle aziende.

Partner Certificati

Abbiamo parlato diffusamente del panorama delle certificazioni, e degli obblighi che ne derivano, per le aziende italiane:

Le certificazioni svolgono un ruolo cruciale nell’assicurare che i fornitori aderiscano a standard e pratiche di sicurezza rigorosi. Fungono da benchmark affidabili per valutare la loro competenza e affidabilità in materia di cyber security. Gli standard, come ISO/IEC 27001, NIST, o specifiche certificazioni di settore, non solo attestano il rispetto di protocolli di sicurezza consolidati ma implicano anche un impegno continuo verso la gestione della sicurezza delle informazioni.

La presenza di tali certificazioni è un indicatore chiave per le aziende nella selezione di partner tecnologici, essendo l’unica garanzia tangibile che il fornitore comprenda l’importanza della sicurezza informatica e si impegni attivamente a mantenere e migliorare i suoi standard. Questo livello di trasparenza e fiducia è essenziale per costruire relazioni solide e sicure nella catena di approvvigionamento digitale, riducendo significativamente i rischi associati alla terziarizzazione e garantendo un ecosistema aziendale resiliente.

Il Valore della Prossimità Territoriale

Sicurezza informatica Puglia
Rapporto diretto e personalizzato

Lavorare con fornitori locali offre una serie di vantaggi significativi, tra cui la facilità di instaurare un dialogo diretto e una disponibilità di risorse conosciute.

La prossimità geografica favorisce una comunicazione più efficace e tempestiva, permettendo incontri di persona che possono accelerare la risoluzione di problemi complessi e la definizione di strategie condivise. Inoltre, i partner locali sono spesso in grado di offrire un supporto personalizzato e reattivo, adattando i loro servizi alle esigenze specifiche dell’azienda-cliente con una comprensione più profonda del contesto operativo e delle sfide di mercato locali, nonché dei regolamenti territoriali. Questa stretta collaborazione può tradursi in una maggiore flessibilità operativa, tempi di risposta più rapidi nelle situazioni critiche e, in ultima analisi, in una partnership più solida e fruttuosa che contribuisce alla crescita e al successo di entrambe le parti.

Perché scegliere Security Architect?

Security Architect srl attraverso una profonda comprensione delle sfide specifiche legate alla sicurezza informatica, ha sviluppato soluzioni all’avanguardia capaci di rispondere efficacemente alle minacce cyber più sofisticate.

Esempi di casi di successo includono lo sviluppo di sistemi avanzati di protezione dei dati, l’implementazione di protocolli di sicurezza per la difesa da attacchi informatici, monitoraggio attivo tramite SOC e la realizzazione di programmi di formazione specializzati per aumentare la cybersecurity awareness.

Security Architect è, inoltre, un’azienda certificata ISO 9001 e ISO 27001, con una profonda conoscenza dei protocolli NIS. Il nostro comparto tecnico è in possesso di innumerevoli certificazioni:

La prossimità territoriale ci consente di offrire un supporto tempestivo, adattando le soluzioni e le SLA alle esigenze specifiche di ogni cliente e garantendo una security posture al passo con i trend internazionali.

Qui alcuni dei nostri progetti di successo:

Conclusioni:

La sicurezza delle informazioni passa anche attraverso la scelta di fornitori e partner affidabili e competenti; che abbiano a loro volta una catena di approvvigionamento (supply chain) nota e certificata. Le certificazioni rappresentano un pilastro fondamentale per valutare l’affidabilità di questi partner, mentre la prossimità territoriale garantisce un rapporto più diretto e un’efficace comprensione delle esigenze specifiche dei clienti.

scopri i nostri servizi:
Sicurezza e Conformità nel Settore Alberghiero con Cisco Meraki
Blog Case Studies

Sicurezza e Conformità nel Settore Alberghiero con Cisco Meraki

Massimizzare Security e Compliance Nell'era digitale, gli hotel non si limitano a garantire comfort e accoglienza, ma sono tenuti a fornire anche la massima sicurezza informatica e a rispettare le normative sulla protezione...
Leggi tutto
Implementazione di controlli Zero Trust per la conformità
Blog News

Implementazione di controlli Zero Trust per la conformità

Approccio Zero Trust alla sicurezza informatica Nel panorama attuale della sicurezza informatica, l'adozione di un modello Zero Trust si rivela non solo una scelta strategica, ma una necessità impellente. In questo articolo proveremo...
Leggi tutto
La Direttiva NIS2: sicurezza delle Reti Industriali e dei Sistemi OT supportata da CISCO
News

La Direttiva NIS2: sicurezza delle Reti Industriali e dei Sistemi OT supportata da CISCO

Nel contesto attuale di minacce informatiche in rapida evoluzione, la sicurezza delle infrastrutture critiche è diventata una priorità imperativa per l'Unione Europea. La recente adozione della Direttiva sulla sicurezza delle reti e dei...
Leggi tutto
Threat Actors, Malware e Exploited Vulnerabilities 2024
News

Threat Actors, Malware e Exploited Vulnerabilities 2024

In questo articolo realizzeremo un consuntivo degli ultimi due mesi sull'intelligence delle minacce informatiche, una risorsa essenziale per comprendere il panorama in evoluzione dei cyber threats e imparare a riconosce le vulnerabilità e...
Leggi tutto
Leave this field blank
Per saperne di piÙ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *